Dietro lo scudo

Dietro il cosiddetto “scudo fiscale” si nasconde un’amnistia di fatto che contravviene al nostro diritto costituzionale (Art. 79, primo comma, Cost. “L’amnistia e l’indulto sono concessi con legge deliberata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna Camera, in ogni suo articolo e nella votazione finale”). Lo scudo consente il rimpatrio dei capitali detenuti illegalmente all’estero alla data del 31 dicembre 2008. Di più, estingue (perciò amnistia) i reati relativi all’omessa e infedele dichiarazione dei redditi, per non parlare della falsa rappresentazione di scritture contabili obbligatorie (v. falso in bilancio). Il disegno di legge, già approvato dal Senato, di conversione del decreto-legge 3 agosto 2009, n. 103, recante disposizioni correttive del decreto-legge anticrisi n. 78 del 2009, attualmente all’esame della Camera, mina alle fondamenta il principio della certezza giuridica, cardine del ordinamento costituzionale e democratico, incentiva l’evasione fiscale, reca un forte pregiudizio alla credibilità del Paese nei confronti dell’Unione Europea e dei mercati, favorisce le organizzazioni criminali che potrebbero “ripulire” il denaro frutto di attività illecite avvalendosi della segretezza garantita loro dal testo di legge, non essendo gli intermediari o i professionisti che curerebbero il rimpatrio tenuti alla segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio. Ce n’è abbastanza perchè il presidente della Repubblica non promulghi una legge siffatta, per un suo rinvio.

Powered by ScribeFire.

Annunci

One Comment on “Dietro lo scudo”

  1. Nicola Scirchio ha detto:

    Dal blog de “il Fatto Quotidiano” ho appreso che ieri la Camera è stata chiamata a votare la pregiudiziale di incostituzionalità presentata da IdV contro lo scudo fiscale. Le molte assenza fra i banchi del PdL e della Lega (70 su 329) stavano per compromettere l’iter parlamentare del mega condono. Purtroppo il PD è riuscito a fare un altro favore alla maggiornaza: 59 assenze su 213 (28%). Per fermare questo scandalo sarebbero bastati 27 voti. Domani il Fatto Quotidiano pubblicherà i nomi degli “assenti salvascudo”; per il momento elenca a caso: FRANCESCHINI, BERSANI e D’ALEMA. La classe dirigente dell'”opposizione”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...