Tomasi di Lampedusa? No, Hair Spray… Grasso è bello.

Jeans, camicie e maglioncini, giubbotti casual, scarpe comode, bar con bibite, patatine, caramelle e pop corn, allestimenti spartani, vistosi manifesti cinematografici e posti a sedere rivestiti con stoffa di dubbia qualità. Giacche, cravatte, scarpe lucide, cappotti impegnativi, lampadario di cristallo, scalinata imponente e tappeto rosso, ingresso sfarzoso, posti a sedere e palchetti rivestiti da un soffice velluto. Il primo è un normale cinema-teatro, il Garden di Rende (CS), il secondo è un importante teatro di tradizione, il Rendano di Cosenza. Naturalmente oltre alle differenze strutturali e di vestiario esiste anche una differenza qualitativa dell’offerta artistica. Esiste sì, ma al contrario. Mentre un impeccabile, bravissimo, Luca Zingaretti regalava al pubblico del cinema-teatro profonde emozioni recitando “La Sirena” di Tomasi di Lampedusa la direzione artistica del teatro di tradizione mandava in scena “Hair Spray… Grasso è bello” con Stefano Masciarelli. Con tutto il rispetto per il simpatico Masciarelli. Senza grande rispetto per chi pretende di organizzare la stagione del Teatro Rendano, uno dei pochi teatri di tradizione in Italia, uno dei pochissimi nel meridione.

Annunci

One Comment on “Tomasi di Lampedusa? No, Hair Spray… Grasso è bello.”

  1. Francesca ha detto:

    il rendano cade sempre più in basso, e anche la stagione lirica è un tantino deludente…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...