A Cosenza quattro gatti, Berlusconi pronto alla crisi

Comincia la settimana del ‘ghe pensi mi’. Berlusconi accelera su manovra economica e intercettazioni, è pronto ad una resa dei conti interna al Popolo della Libertà. Prima, però, uno sguardo indietro.

No al bavaglio

Il 2 luglio è riuscito. A Roma e negli altri presidi italiani, da Torino a Palermo. A Cosenza quattro gatti. Soprattutto non c’erano i giornalisti. Certo che non avrei contato milioni di persone. Nemmeno centinaia di migliaia. Ma la manifestazione contro il ddl sulle intercettazioni, per la libertà d’informazione, l’hanno indetta loro. La Federazione Nazionale della Stampa Italiana, chi la rappresentava in piazza XI settembre? Erano tutti a Roma; oppure professionisti e pubblicisti del cosentino hanno una percezione perlomeno strana della realtà civile e politica di questo Paese. Dunque non mi aspetto che la rappresentino lucidamente sulle rispettive testate giornalistiche. Mandare i fotografi a scattare poche immagini non vale la testimonianza massiva della ferma contrarietà all’abuso di potere del governo nei confronti dell’Informazione e della Giustizia. Aiuta, forse, ma non basta.
C’era, al solito, il Popolo Viola. Non ne faccio parte. Per questo una gentile signora mi ha quasi rimproverato dimenticando, solo per un istante, che ci siamo trovati in piazza per la stessa causa. Il mio senso di appartenenza ad una parte politica non mi impedisce di essere organico al movimento costituitosi il 5 dicembre 2009, in occasione del No Berlusconi Day. Ma è proprio questo il punto: se devo essere organico a qualcosa, preferisco un partito e non un Popolo. Per le stesse ragioni che contesto al Pdl. I diritti che il Popolo Viola protesta sono anche i miei. Perciò condivido con la sua gente un pezzo di strada. Enza Vigna ha preso le mie difese: ‘ai nostri incontri c’è sempre’. La ringrazio. Il suo spirito fa eccezione rispetto alla regola della prevenzione nei confronti delle forme istituzionalizzate – per così dire – della politica, che ho riscontrato nei gruppi locali del Popolo Viola. Una su tutte: il partito.

Avanti

Mentre scrivo Aldo Brancher si è dimesso da Ministro. Andrà a processo per ricettazione. Conferito della delega alla ‘Sussidiarietà e Decentramento’, Brancher ha eccepito il legittimo impedimento per non comparire davanti ai giudici di Milano. Ma il presidente della Repubblica, in un comunicato del 25 giugno, ha subito annotato:

In rapporto a quanto si è letto su qualche quotidiano questa mattina a proposito del ricorso dell’on Aldo Brancher alla facoltà prevista per i ministri dalla legge sul legittimo impedimento, si rileva che non c’è nessun nuovo Ministero da organizzare in quanto l’on. Brancher è stato nominato semplicemente ministro senza portafoglio.

Sventato l’ennesimo attentato alla Costituzione, Brancher si è reso disponibile ai giudici, ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato. Due mozioni di sfiducia individuale, siglate Pd e Idv, erano pronte per essere messe ai voti questo giovedì. Non serviranno più.
L’approvazione del disegno di legge sulle intercettazioni entro la fine del mese è una prova per la tenuta della maggioranza. Berlusconi soffre la marcatura di Fini e scommette sull’ignavia dei finiani. Speriamo si sbagli, che gli uomini vicini al presidente della Camera votino contro il ddl uscendo definitivamente allo scoperto. Sarebbe quasi inevitabile l’apertura di una crisi.
Intato il governo deve contenere l’agitazione di Regioni ed Enti Locali penalizzati dalla finanziaria. La manovra economica non raddrizza quello che Tito Boeri ha chiamato l’albero capovolto del federalismo fiscale, anzi. Contiene ulteriori elementi di ricentralizzazione che contraddicono la propaganda leghista. Quello di Bossi è un movimento crepuscolare.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...