L’ordinaria eccezionalità delle mafie

Capaci vent’anni dopo. Alla vigilia delle commemorazioni Giancarlo Caselli ha evocato l’ex capo dell’Ufficio istruzione di Palermo, Antonino Caponnetto, il quale uscendo dall’abitazione della madre del giudice Paolo Borsellino, nel carnaio di via D’Amelio, lasciò un’impronta indelebile nella coscienza di milioni di persone. Con solo tre parole: “è finito tutto”. Comprensibile scoramento. Ma non era finito niente. Dopo l’infame attentato a Giovanni Falcone e il martirio di Borsellino si aprì una nuova stagione di contrasto a Cosa Nostra che nel breve periodo determinò la cattura del Capo dei capi, Totò Riina, nel medio il rafforzamento degli strumenti d’indagine e giurisdizionali che Giovanni Falcone aveva concepito, D.I.A. e superprocura antimafia, più tardi la condanna degli stragisti e la decapitazione della cosiddetta Cupola. Oggi Cosa Nostra siciliana è ridimensionata, ma non si da per vinta. Ha ceduto il suo primato alla ‘Ndrangheta calabrese, che domina lo scenario internazionale del crimine organizzato. Le mafie hanno conservato una notevole capacità di penetrazione delle istituzioni politiche ed economiche del nostro paese. Sono fenomeni endemici del mezzogiorno, che prosperano da tempo nelle regioni settentrionali dell’Italia, dove si concentrano le attività produttive, e nell’Europa continentale. Un insegnamento di Giovanni Falcone che dovremmo aver caro come la vita, perché di questo si tratta: di vita o di morte, è che la mafia non è un’emergenza; se l’affrontiamo come tale avremo perso ancora prima di cominciare la lotta. Consideriamola piuttosto, come disse una volta lui, una “ordinaria eccezionalità”. Occore un impegno quotidiano, senza eroismi, per intaccare quel capitale, fatto di relazioni sociali e connivenze politiche, che la mafia investe per trarne profitto.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...