L’ambizione al potere

Fratelli, semo vecchi… c’avemo le ore contate. Volemo fa’ ‘na bona azione, prima de mori’? Una sola: mannamo ero boja in pensione e chiudemo in bellezza. Cercamo d’esse preti, io solo questo ve chiedo: d’esse preti, che nun ce perdemo niente” (Luigi Magni, In nome del Papa re)

I documenti riservati che appaiono nel best seller di Gianluigi Nuzzi, Sua Santità, scandalizzano solo un pubblico di educande. Per loro suona la sveglia dell’editore indipendente Chiarelettere. Rispetto per il fiuto giornalistico che ha captato la fuga di notizie dalle segrete stanze del Palazzo Apostolico. Ma che il Vaticano fosse sede di ambizioni terrene e intrighi di potere è un fatto risalente di mille e cinquecento anni. Il segretario di stato Tarcisio Bertone, il quale avrebbe volentieri allungato la mano sul San Raffaele per salvarlo dal fallimento, incarnerebbe l’ambizione al potere; sua eminenza ha ottenuto la destituzione dell’economista Gotti Tedeschi dallo Ior. L’ex presidente della banca vaticana intendeva adeguare l’Istituto per le Opere di Religione alle norme internazionali antiriciclaggio, ma i suoi avversari interni preferiscono la tradizionale riservatezza alla trasparenza dei flussi di denaro da e per la Città del Vaticano. Una crisi di fiducia s’abbatte sulla Chiesa Universale. Per uscirne il papa, nel corso del VII incontro mondiale delle famiglie, apre al dialogo con i non credenti e gli emarginati, in particolare con i «fedeli che, pur condividendo gli insegnamenti della Chiesa sulla famiglia, sono segnati da esperienze dolorose di fallimento e di separazione». Ratzinger guarda al revisionismo di Carlo Maria Martini e al solidarismo di Dionigi Tettamanzi. Meglio tardi che mai. Per fermare l’involuzione della Chiesa, per essere semplicemente preti.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...