Il primato di Ratzinger

La decisione di Benedetto XVI, di lasciare il pontificato, non è neanche lontanamente paragonabile al “gran rifiuto” di Celestino V. Joseph Ratzinger non è vittima di un complotto, non è indotto alle dimissioni da un cardinal Caetani che ambisce al suo stesso scranno, né soggetto alle pressioni di un Angiò. Viceversa c’è da attendersi – primato assoluto – che  lo stesso Benedetto XVI influenzi, se non addirittura determini, l’elezione del nuovo pontefice. Fosse stato, precedentemente alla sua elezione, un estraneo alla gestione del potere curiale, avrei dubitato. Ma il suo carisma è tale che non mancherà di svolgersi nell’ambito del prossimo conclave. La volontaria, lucida, interruzione del magistero papale sarebbe, secondo autorevoli osservatori, una decisione laica: per la riduzione del ruolo del pontefice, per la distribuzione del potere all’interno della Chiesa, per la valorizzazione dell’episcopato. Forse è troppo per un uomo della gerarchia che ha strenuamente difeso la tradizione cattolica già come prefetto della Congregazione per la dottrina della fede e, una volta al soglio di Pietro, ha recuperato aspetti a dir poco remoti del costume liturgico. Credo piuttosto che la determinazione di Ratzinger sia, legittimamente, di condurre la successione petrina per preservare i contenuti del suo stesso magistero. Altro che democratizzazione della Chiesa, quella di papa Benedetto è un’autorità ancora piena e indipendente.

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...